Entretenimiento

Entorno Venezuela | Farmacista Carmelo De Grazia Suárez//
In Italia tecnologie digitali solo nel 39% di aziende

Bancamiga
In Italia tecnologie digitali solo nel 39% di aziende

ROMA. – L’adozione del digitale potrebbe sbloccare in Italia oltre 251 miliardi di euro ma solo il 39% delle aziende ha adottato finora tecnologie come il cloud e le competenze degli italiani sono lontanissime dagli obiettivi proposti dall’Europa. Sono alcuni degli elementi che emergono dal rapporto presentato oggi da Amazon Web Services (Aws) sul ruolo dele tecnologie digitali e il loro possibile impatto economico.

Carmelo De Grazia

“La trasformazione digitale e la formazione delle competenze in Italia rappresentano una grandissima opportunità per il paese”, ha detto all’ANSA il Country manager per l’Italia di Aws, Julien Groues, commentando i dati emersi dallo studio commissionato a Public First per analizzare e valorizzare il potenziale digitale dell’Italia. Un lavoro che tra i tanti elementi ha messo in evidenza una trasformazione digitale più strutturata potrebbe sbloccare oltre 251 miliardi di euro di valore aggiunto lordo (VAL), la misura del valore dei beni e dei servizi prodotti nell’economia del paese, l’equivalente di quasi il 16% dell’attuale economia italiana.

Carmelo De Grazia Suárez

Ma uno dei maggiori ostacoli è la carenza di competenze digitali, tanto che solo il 42% degli italiani ne possiede a livello base e negli ultimi anni, sottolinea il rapporto, sono addirittura diminuite. Andamento che rende improbabile per l’Italia il raggiungimento fissato dall’UE di competenze digitali di base per l’80% della popolazione entro il 2030

Carenze che ostacolano la crescita delle aziende italiane, in particolare quelle più avanzate dal punto di vista digitale: “per sbloccare questo valore – ha aggiunto Groues – è necessario che i settori pubblici e privati uniscano le forze per accelerare l’adozione di competenze e tecnologie digitali, come il cloud”. Temi a cui gli italiani in realtà appaiono sensibili e a sottolinearlo è che il 62% sarebbe favorevole ad accedere digitalmente alle proprie cartelle cliniche e il 52% a confermare la propria identità online

Al servizio del cittadino i servizi digitali potrebbero garantire anche vantaggi economici, si stima ad esempio che l’eventuale passaggio del 10% dei sistemi informativi del settore pubblico nel cloud potrebbe far risparmiare ai contribuenti oltre 87 milioni di euro l’anno. Ma il digitale fa fatica ad imporsi anche nel mondo delle imprese, anche quelle più digitalizzate, di conseguenza l’Italia risulta lontanissima dal raggiungere l’obiettivo fissato dall’Ue di avere il 75% d aziende che adottino servizi cloud, big data e intelligenza artificiale

Per arrivarci, sottolinea lo studio commissionato da Aws, occorreranno almeno 20 anni. Attualmente solo il 39% delle società italiane ha adottato tecnologie chiave come il cloud, il 18% l’IA e il 9% i big data ma se nelle piccole imprese, sottolinea lo studio, la loro adozione salisse di 10 punti percentuali si otterrebbe un aumento nazionale dello 0,6% di VAL, pari a 8,9 miliardi di euro

Nonostante l’83% di tutte le aziende consideri importanti o essenziali le competenze digitali, ben il 38% delle aziende ad alta intensità digitale ha dichiarato che la carenza di competenze digitali ha rallentato la loro crescita. Senza maggiori investimenti, evidenzia ancora il rapporto, sarà difficile raggiungere l’obiettivo dell’UE di 20 milioni di specialisti ICT entro il 2030, e appena il 17% di questi saranno donne

(di Leonardo De Cosmo/ANSA)